CHIESA DELLA TRASFIGURAZIONE DI NOSTRO SIGNORE DI BRUMANO: la piccola chiesa di Brumano sorge nell’omonima località, un piccolo gruppo di sparsi casolari, il cui nome deriva probabilmente da un toponimo di origine celtica ed indica la presenza di una sorgente. Si tratta di una isolata amena località alpestre immersa nei boschi alle falde del monte Pizzo, in posizione dominante la valletta del torrente Nesa e l’antica strada mercantile che collegava la Valle Seriana alla Valle Brembana.
La chiesetta, dedicata alla Trasfigurazione di Nostro Signore, fu innalzata al rango di parrocchia autonoma nel 1640, ma oggi, dopo molte vicissitudini, è sottoposta alla giurisdizione del parroco di Alzano Maggiore.
Si tratta di un piccolo edificio le cui origini riportano al Cinquecento (è citato nella visita pastorale attuata da San Carlo Borromeo nel 1575), ma che venne fortemente ristrutturato nel Seicento.
La fronte semplicemente intonacata presenta un severo portale architravato ed è superiormente chiusa da una graziosa balaustrata in pietra con al centro un’edicola centinata.
L’interno presenta un’unica navata di forma rettangolare, coperta a capanna e conclusa da un arco a tutto sesto decorato a stucco che immette nella piccola zona absidale coperta da una volta a botte con elegante decorazione a fresco di gusto barocco. Sui lati del piccolo arco trionfale si aprono due nicchie ospitanti le statue policrome di San Lorenzo e della Vergine. La cornice lignea che inquadrava quest’ultima figura e rappresenta i Misteri del Rosario è oggi conservata, per motivi di sicurezza, insieme al piccolo fonte battesimale ligneo in una saletta del Museo d’Arte Sacra San Martino.









Chiesa della Trasfigurazione di nostro Signore di Brumano

Chiesa della Trasfigurazione
di nostro Signore di Brumano